I Porti liguri protagonisti della Naples Shipping Week

1 luglio 2016

Nella seconda giornata di Port & Shipping Tech all’interno della Naples Shipping Week di Napoli è intervenuto Forcieri come presidente di Ligurian Ports Alliance, assieme al presidente dell’AP di Savona Gianluigi Miazza e al Commissario straordinario di Genova Ammiraglio Giovanni Pettorino.

naples-shipping-week-forcieri

Inaugurata a Napoli lo scorso 27 giugno la II edizione della Naples Shipping Week, un evento internazionale interamente dedicato alla cultura e all’economia del mare. Innovazione tecnologica, governance dei porti, autostrade del mare, sicurezza e welfare, combustibili rinnovabili, nuovi mercati sono solo alcuni dei temi al centro del convegno.

Centrale l’intervento del presidente di Ligurian Ports Alliance, Lorenzo Forcieri che ha affrontato i principali temi relativi alla portualità mettendo in evidenza come i porti liguri, rispetto ad altre realtà italiane, possano vantare un reale vantaggio competitivo nell’area MED potendo usufruire di tre corridoi della rete TEN-T: il corridoio Reno Alpi (ex corridoio Genova – Rotterdam), il corridoio SCANMED, che rappresentano ovvero le principali direttrici Nord – Sud di traffico, e il Corridoio Mediterraneo.

Forcieri: “Nel settore dello shipping i due eventi recenti più significativi sono stati il raddoppio del Canale di Suez e l’allargamento di quello di Panama con conseguenti impatti sulla portualità. E poi  l’apertura del Gottardo che insieme al futuro tunnel di base del Brennero potrà facilitare il trasferimento delle merci Nord – SUD ed avvantaggiare i porti Liguri come porti gateway del sistema logistico incentrato sulle due direttrici. Naturalmente ciò potrà avvenire solo con il supporto di infrastrutture ferroviarie e soprattutto delle connessioni di ultimo miglio tra porti e corridoi, progetti sui quali c’è un forte impegno in tal senso da parte RFI e da parte Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Quindi, guardare al mare e alle rotte marittime in area MED quali elemento di collegamento tra i porti appartenenti a Paesi diversi UE e extra UE  e guardare, allo stesso tempo, al lato terra, ai corridoi della rete TEN-T in una logica di integrazione dei trasporti e della logistica”.

Al Green Shipping Summit è intervenuto Davide Vetrala, responsabile del Servizio Pianificazione Territoriale, Sicurezza ed Ambiente dell’Autorità Portuale della Spezia. In particolare Vetrala ha sintetizzato gli interventi più significativi realizzati negli ultimi anni nel porto della Spezia quali l’adozione del Biofix (biofissante naturale) per ridurre la risospensione di polveri sottili determinate dal transito di mezzi pesanti lungo la viabilità portuale, il progetto di mobilità elettrica in ambito portuale (due autovetture elettriche a emissioni zero e tre colonnine di alimentazione per auto installate all’interno del porto), la realizzazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in grado di soddisfare le esigenze operative della sede AP, il progetto di conversione progressiva delle torri faro con lampade a LED a basso consumo e lunga durata. Infine il cold ironing lungo l’accosto ovest del molo Garibaldi.

napoli 1

Alla sessione dedicata allo Smart Port & Logistic è intervenuta Federica Montaresi, Responsabile dell’Ufficio Studi e Progetti speciali dell’ente di via Del Molo. Montaresi si è soffermata invece sul tema della digitalizzazione della catena logistica ed in particolare sull’importanza delle politiche comunitarie in materia di Agenda Digitale a supporto del settore dei trasporti e della logistica, al fine di rendere più efficiente il rapporto mare – terra.

napoli 3

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. Informazioni | Chiudi