Analisi del Voto – La nostra posizione

I risultati del voto di domenica evidenziano una grande sfiducia e soprattutto una grande voglia di cambiamento da parte degli elettori.
I quasi 4000 cittadini che hanno dato fiducia a Lorenzo Forcieri e ai consiglieri che lo sostenevano rappresentano la prima spinta della società civile verso il processo di cambiamento, di cui la nostra comunità e la nostra Città hanno assolutamente bisogno.

Sarà nostro onore, oltre che dovere, rappresentare questa parte di spezzini in Consiglio Comunale, portando avanti i valori e gli obiettivi che ci hanno contraddistinto in questa campagna elettorale; partendo dal nuovo modello di Città e di Amministrazione che abbiamo delineato.

Una Città di mare con grandi potenzialità in tutti i settori ed in particolare in quelli del turismo, della Smart e blue economy; una Amministrazione non semplice spettatrice e a volte addirittura ostacolo alla crescita, ma protagonista attiva di un nuovo sviluppo capace di cogliere tutte le potenzialità, per creare lavoro e benessere diffuso.

A questa visione, a questo progetto di città deve essere aggiunta una attenzione alle piccole cose, al quotidiano, alla pulizia e al decoro urbano, dal centro alle periferie.

Vista l’evidente voglia di discontinuità espressa dagli elettori auspichiamo che il prossimo Sindaco eletto e l’intera Giunta, vogliano essere degni rappresentanti del necessario cambiamento. Servono segnali forti in questa direzione.

Pertanto, in vista del ballottaggio, ribadiamo i punti principali del nostro programma e chiediamo che vengano non solo presi in considerazione, ma anche attuati, con tutto il nostro supporto ove necessario, durante gli anni di mandato.

Partendo dalla Revisione del Piano Urbanistico Comunale (PUC) appena approvato, che deve recuperare il molo crociere, la fascia a mare e il waterfront , prevedendo inoltre un nuovo patto tra Marina Militare e Comune per restituire alla città spazi a ponente per attività produttive, commerciali e turistiche di qualità. Un PUC con nuove politiche per il commercio e per il turismo che, confermando lo stop a nuovi grandi centri commerciali, avvii un percorso di crescita e riqualificazione urbana. Un PUC che renda centrali le periferie per fare della Spezia una città metropolitana di mare, rivalutando spazi aperti ed aree verdi. Un PUC che non sia un freno ma uno stimolo alla crescita.

Non di secondaria importanza è la totale revisione della raccolta differenziata valutando il ricorso a modelli alternativi diversi dal porta a porta. Il completamento della rete fognaria e l’impegno nell’evitare di riversare le acque nere in mare devono essere un punto fermo per una città che vede nel turismo e nella smart economy un motore di sviluppo. Più sicurezza nelle strade e nei quartieri e un Assessore di riferimento per ogni zona, perché i cittadini possano avere un interlocutore costante per i propri problemi.

Sostenere e promuovere la promozione e la salvaguardia delle attività imprenditoriali che contribuiscono allo sviluppo della nostra città, consolidando lo sviluppo della cultura e delle attività legate al mare, al porto, all’industria e al polo della difesa in una logica smart. Riteniamo necessario puntare su ricerca, innovazione e alta formazione, mettendo a fattor comune le esigenze e le potenzialità delle maggiori aziende, l’esperienza del DLTM, l’apporto dell’Università , degli EPR e delle PMI, ricercando e utilizzando efficacemente le risorse disponibili a livello regionale, nazionale ed europeo; incentivando e sostenendo processi di aggregazione e rispondendo alle diverse esigenze affinché si possa trarre il massimo vantaggio per la crescita qualitativa del territorio.
Stabilire tempi certi per la dismissione e lo smantellamento della centrale Enel ottenendo una integrale e completa bonifica delle aree inquinate che verranno lasciate. Mantenere un ruolo di Enel nel processo di riconversione dell’area per utilizzare appieno il sistema di relazioni nazionali ed internazionali di Enel al fine di coinvolgere partner industriali nazionali ed Internazionali, nel processo di re-industrializzazione del sito, con imprese innovative e ad elevata tecnologia, come quelle relative alla mobilità elettrica che per noi rappresenta il futuro.

Un’attenzione particolare chiediamo sia rivolta ai problemi sociali e al tema della sanità; ci riferiamo alla necessità di garantire un corposo investimento in risorse umane (medici, infermieri etc) una riorganizzazione delle degenze ospedaliere e un rilancio della assistenza territoriale, garantendo prevenzione ed assistenza alle fasce deboli della comunità attraverso nuove politiche sociali e sanitarie.

Ultimo, ma non certo per importanza, un radicale cambiamento rispetto alla passata amministrazione: la nuova giunta dovrà essere in totale discontinuità con la precedente ed essere composta da assessori non coinvolti in passate esperienze di governo, selezionati sulla base di comprovate competenze, per poter portare un vero valore aggiunto alla Città.

Gli elettori hanno dimostrato di essere stanchi di vecchie contrapposizioni ideologiche e manifestato una chiara voglia di buon governo.

Questi sono gli obiettivi che riteniamo fondamentali, perché si possa fare della Spezia una perla del Mediterraneo. Sulla base della loro condivisione assumeremo le nostre decisioni.

#AvantiperSpezia
#AlLavoroperSpezia

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. Informazioni | Chiudi